Shop di Segnati il mio blog b

Consigli per gli acquisti

Link sponsorizzati inseriti nella pagina

Shop Cake design e crostate in pasta frolla

Stampo furbo Mary Ann

Acquista subito lo Stampo furbo Mary ann che ho usato per fare il dolce dedicato a mio marito

Puoi scegliere di fare il disegno anche con altri personaggi, e versarci all’interno una ganache al cioccolato al latte o fondente! Oppure provare una versione salata, con all’interno formaggio tipo Philadelphia e giochi di salumi per guarnire.

Crostata morbida per stampo furbo senza uova al cioccolato

stampo furbo mary ann

Kit coloranti in gel alimentare wilton

Acquista il kit di coloranti in gel wilton

Vi consiglio il kit comprensivo di bianco perché sono colori molto carichi e vanno miscelati con il bianco per ottenere tonalità più chiare.

Kit attrezzature da cake design 114 pezzi

questo kit l’ho preso per usarlo con la pasta di zucchero, e mi sembrava abbastanza completo, contando che io non avevo nulla per fare le torte in pdz, e all’occorrenza è utilizzato anche per le crostate in pasta frolla.

attrezzi cake

Matita faber Castell alimentare

Ho inserito la matita alimentare perché può essere utile quando si ricalca il disegno su carta da forno, per trasferirlo su pasta di zucchero o pasta frolla, essendo alimentare non dobbiamo più preoccuparci della mina!

Shop Informatica

Jumper ez-book 4s

Vi posto la versione aggiornata del mio portatile, laptop, io attualmente sto utilizzando Jumper ez-book 3s, con cui mi trovo molto bene, per essere un portatile cinese e di prestazioni medie. Non vi aspettate un utilizzo per il gaming perché non sarebbe un giusto acquisto, ma per quello che faccio io va bene, si può facilmente navigare in rete, usare i social, email, e… per ultimo ma non meno importante editare il mio blog.

jumper ezbook 3s

Tablet Yotopt

Ho inserito questo tablet perché l’ho acquistato recentemente e ho pensato di recensirlo. Effettivamente è egregio, fa il suo dovere, anche con questo navigo su facebook e altri social, apro la mail di gmail e carico in sincronizzazione le foto su google photo, inoltre è ottimo per far vedere qualche canzoncina o cartoni animati tipo Bing e altri a mia figlia su youtube e vari giochi tra cui parrucchiera, fruit nijia e i baby, perché ha uno schermo grande e con una buona luminosità e bei colori, l’audio è purtroppo mono, ma apparte all’inizio dopo ci si fa l’abitudine. Adesso è in offerta perché io quando l’ho acquistato non era corredato di pennino, mouse e tastiera, quindi anche per questa ragione lo consiglio ancora di più.

Corredato a questo tablet ho acquistato una custodia in gomma per prevenire le cadute. Attualmente è in offerta corredato di tastiera, mouse, touch pen e custodia in pelle

Un caffè espresso come al bar con la caffettiera a cialde e moca Gaggia

Un aggiornamento per l’acquisto della caffettiera che mi sono regalata subito dopo sposata e di cui non ne ho fatto più a meno, tanto da portarla in vacanza con me .. perché fa quella crema in superficie che solo le macchine professionali del bar fanno. Io l’ho acquistata nel 2015 quando si chiamava ancora Saeco Poemia, adesso Gaggia Viva style ma sono identici e hanno entrambi la funzione di pressurizzazione che crea la crema, e funziona ancora, con un po’ di manutenzione, per esempio ogni tanto smontare e pulire i filtro quello dove si aggancia il manipolo se si usa la moca perché con gli anni si ottura.

Come trasferire una fotografia su pasta frolla o pasta di zucchero


Salve a tutti vorrei condividere questa domanda che mi è stata posta da chi mi segue, così che possono farne tesoro tutti quelli che hanno pensato ….ma come faccio a trasferire una fotografia su pasta frolla o pasta di zucchero se non so disegnare?

è facile farlo con i cartoni animati perché quelli hanno già i contorni ben definiti ma ..le persone? come faccio quando non so disegnare?

A questa domanda può esserci di aiuto un sito che modifica le fotografie in formato “disegno a matita”, così da creare dei contorni ben definiti da riportare su carta forno e poi successivamente colorare gli spazi vuoti.

Logicamente un po’ di mano la si deve avere almeno per colorare dopo, oppure con un po’ di prove magari usando gli acquerelli su carta normale per fare le prove di disegno.

Importante nei ritratti riportate cercando di essere fedeli alla foto le ombre sul viso.

Posto qui il link dove si può modificare la vostra foto, potete usarlo anche da smartphone come ho fatto io, è facile e gratuito, caricate la foto, selezionate la tipologia di ritratto e poi una volta caricata la foto, in basso si vedrà la miniatura, clicca sul pulsante “il prossimo” e sarà visualizzata a schermo la foto modificata. Si può scaricare direttamente anche senza inviare tramite il pulsante Whatsapp che loro mettono a disposizione, cliccando qualche secondo sulla foto, se siete da smartphone, cliccando sulla foto con il tasto destro del mouse se da pc, e fate scarica immagine.

https://www.fotoeffetti.com/cat-modificare-foto/convertire-picture-disegno-a-matita

Invia il tuo articolo

Invia il tuo articolo

Da un po di tempo sto organizzando questo nuovo servizio, puoi inviare un nuovo articolo e sarà pubblicato gratuitamente sul mio blog.

I contenuti dovranno essere:

  • originali (non presenti su altri siti)
  • almeno di 300 parole
  • non possono contenere link di affiliazioni
  • no contenuti offensivi e illegali
  • Non si può fare uso di marchi e loghi registrati, se non sono i propri. (per esempio: per indicare un particolare tipo di lievito per dolci, non si può inserire il marchio ma solo la dicitura “lievito istantaneo per dolci”)

vantaggi

  • visibilità sul mio blog
  • condivisione su tutti i miei canali social
  • pubblicazione del link verso il tuo blog, con blog  box description
  • argomenti: capelli, hairstyle haircut e haircolor, make-up, acconciature, consigli, colorimetria/SEO, wordpress e informatica/ricette, pasta frolla dipinta, pasta di zucchero/sui bambini consigli.

come fare:

ti puoi registrare direttamente nel mio blog, come contributore e iniziare fin da subito a editare il tuo articolo, se hai un po’ di dimestichezza con la piattaforma wordpress. Se non sai come editare scarica la mini guida. Come scrivere un articolo con l’editor classic

REGISTRATI PER INVIARE IL TUO ARTICOLO

Se non sai registrarti o non riesci a farlo contattami via mail che provvedo io a fare la registrazione.

Se non vuoi fare nulla di tutto ciò allora invia tutto a mezzo mail che provvederò personalmente a pubblicare il tuo articolo oppure compila il modulo

[contact-form-7 id=”5133674″ title=”Invia il tuo articolo”]

Email: segnatiilmioblog@gmail.com

Come redigere un articolo (vale sia per la registrazione diretta che per l’invio a mezzo mail):

  • titolo SEO
  • metadescription
  • corpo articolo
  • parola o frase chiave
  • tag o più tag
  • categoria
  • immagine in evidenza
  • immagine nel corpo del testo testo se differente
  • link al tuo blog con una sua breve descrizione, e tuo Nome o Nome d’arte

 

 

Come disegnare su pasta di zucchero con i colori alimentari in gel

come disegnare su pasta di zucchero

Come disegnare su pasta di zucchero con i coloranti alimentari in gel diluiti nel vino bianco

come disegnare su pasta di zucchero

Salve a tutti, stasera ho fatto un video tutorial su come si disegna su pasta di zucchero. Dalla foto il disegno non rende purtroppo anche perché il pasta di zucchero non era bianca e ho scelto un soggetto abbastanza difficile e nell’articolo spiegherò il perché.

Ho fatto lo stesso il tutorial perché questo è il modo in cui procedo per disegnare su pasta di zucchero.

Essendo una prova non mi sono preoccupata molto del risultato anche se in complesso i colori sono un po’ cupi perché sono tutti colori freddi e perché stendere il bianco non è semplice, inoltre la foto come tutto il video subisce la luce della cappa da cucina.

Si perché io per bloccare il cellulare e non farlo toccare a mia figlia l’ho messo in alto, bloccato da una piattaforma che sta sul ripiano della cappa. La prossima volta cercherò di farlo in condizioni migliori, luce naturale, di giorno e con il treppiedi (fatto da mio padre con l’asta dei selfie e bloccata su una lastra di legno).

Purtroppo come montaggio ho cercato di fare del mio meglio, contando che uso solo lo smartphone e da cellulare non riesco neanche ad aggiungere un’immagine di anteprima su Youtube, carina e presentabile, invece solo questo ripiano con i disegni… vabbè, però se avviate il video l’immagine l’ho messa. Quando avrò tempo magari cerco di aggiustare questa cosa da pc fisso perché da cellulare non me lo fa fare.

Vi anticipo poche cose: per colorare uso i coloranti in gel, un pennarello alimentare nero per delineare i contorni, e pennellini da cake design di varie misure.

L’ingrediente essenziale per diluire, io uso il vino bianco da tavola ed ovviamente la pasta di zucchero.

Si preferisce logicamente una pdz bianca ma questa è un panetto rimasto dalla mia prima torta in pdz, che tengo conservato in un contenitore a chiusura ermetica e a sua volta chiuso in una bustina per alimentari da freezer. Lo stesso panetto che ho utilizzato per fare Anna di frozen.

Essendo la mia prima torta Un esperimento per imparare ad usare la pdz non mi soffermai sul colore, che tra l’altro quel giorno il negozio neanche lo aveva. Adesso poi per il periodo che stiamo vivendo sarà an che difficile trovare qualcuno aperto che vende ste cose, dovrei solo acquistare online, ma non voglio sovraccaricare i corrieri di un ordine inutile perché non è una cosa necessaria, quindi mi accontento della pdz celeste.

Ritornando al discorso principale, in genere per diluire si usa alcool alimentare o grappa, io però ho voluto provare con il vino bianco anche perché i brick da tavola sono molto economici rispetto all’alcool.

A proposito non posso neanche fare la foto al disegno domani mattina perché mia figlia ha iniziato a dargli i morsi e se lo stava mangiando, per cui mio marito glielo ha tolto  di mano e l’ha riposto in un contenitore da frigo per conservarlo ma l’ha riposto tutto piegato quindi i colori si sono tutti mischiati.

riepiloghiamo

  • disegno su carta da forno con il pennarello alimentare nero
  • giro il foglio di carta da forno e cerco di trasferire il disegno sulla pdz con un po’ di pressione
  • ricalco la bozza dei contorni
  • Si colora

 

 

 

 

 

 

Pasta di zucchero l’arte della pittura su pdz nuovo gruppo fb

pasta di zucchero l'arte della pittura su pdz

Pasta di zucchero l’arte della pittura su pdz

Nuovo gruppo fb

pasta di zucchero l'arte della pittura su pdz

Salve a tutti, volevo condividere la creazione di un nuovo gruppo su fb sulla pasta di zucchero, precisamente sui disegni su pasta di zucchero, anche se vuole essere un contenitore per altre tematiche sempre inerenti. Per scambiarci consigli, tecniche, o semplicemente le ricerche che abbiamo fatto su questo argomento.

Come sapete da pochissimo mi sono avvicinata a questa nuova arte e siccome mi piace disegnare già su pasta frolla, ho deciso di farlo anche sulla pdz.

Ho creato la mia prima torta è il mio primo disegno qualche tempo fa e ho inserito nel gruppo e nel blog tutte le ricerche che ho fatto per iniziare ad avvicinarmi da autodidatta a questa tecnica.

Sperando di poter essere utile ad altre che si stanno avvicinando come me da poco e vorrebbero iniziare a levarsi i primi dubbi.

Non voglio essere di certo un manuale esaustivo, ne avere la presunzione di poter insegnare qualcosa in questo campo perché anche io da poco ho iniziato ma vorrei condividere quelle poche nozioni che so di cui alcune anche sperimentate e trovare in rete con persone che come me si stanno avvicinando per condividere insieme nuove esperienze e soprattutto gli errori che faremo.

Inoltre come vedrete per adesso ha pochissimi membri perché creato da poco e anche perché ho invitato poche persone giusto per iniziare ma io non sono untipo che condivide su fb perché mi piace che le persone lo trovino da sole o solo con le ricerche nei motori di ricerca oppure tramite le vostre condivisioni

il gruppo si chiama:

pasta di zucchero l’arte della pittura su pdz 

Un saluto a tutti

Manuale per creare torte in pasta di zucchero

manuale per creare torte in pdz

Manuale per creare torte in pasta di zucchero

manuale per creare torte in pdz

Oggi vorrei compilare questo manuale per avere sottomano tutte le linee guida per creare torte in pasta di zucchero.

Premetto che sono autodidatta e da poco mi sono avvicinata a questo mondo, e vorrei farmi un vademecum da aggiornare progressivamente ogni qualvolta scopro qualche nuovo segreto.

Basi adatte alla pdz: queste hanno impasti molto consistenti che non serve necessariamente la bagna, anche se all’italiana preferisco farla.

Victoria sponge (provata)

Molly cake

 

Il Pan di Spagna invece è buono se si fa un solo piano perché il suo impasto non è consistente e non regge più piani, quindi il peso della pdz e dei decori, inoltre conviene bagnarlo non troppo oppure evitando di bagnare i bordi.

 

Le creme interne. Qualsiasi tipo di crema è buona per la farcitura, dalla crema pasticcera alla chantilly ecc.

Le creme esterne per stuccatura, invece ne sono davvero poche perché non tutte sono adatte a stuccare una torta. Sono quelle a basso contenuto di umidità che non devono fare sciogliere la pasta di zucchero e soprattutto devono isolarla dal resto delle creme e dalla bagna per evitare collassi.

Le creme sono: crema al burro, ganache al cioccolato, e *una panna particolare venduta solo dai fornitori per torte che ha una forte consistenza, ed è adatta per le torte in pdz, garantendone una perfetta tenuta senza sciogliersi (Non l’ho ancora provata). La panna in questione la puoi trovare seguendo il link

Stendere bene la crema per stuccatura altrimenti la pdz non viene liscia. Dopo aver steso la crema far rassodare tutto in frigo.

PER stendere la pdz un bel mattarello di plastica lungo e sulla spianatoia cospargere di zucchero a velo o amido di mais che non fa seccare. Sempre per la stesura, arrotolare tutta la pdz sul mattarello e poi srotolare sulla torta, farla aderire alla superficie e subito ai lati alti, per evitare che si allunghi e si spezzi. Questo schizzo per far vedere come si stende (sopra e lati alti) poi proseguire per farla aderire tutta. lo schizzo non è bellissimo ma mi serve per capire come devo fare. Usare lo smoother per livellare.

 

Io ho usato quella già pronta. Per manipolare la pdz perché appena comprata il panetto è abbastanza duro alcune usano inserirla nel microonde per qualche secondo, altri dicono di usare le mani. Pure io opto per la seconda perché ho paura di rovinarla, la taglio in varie parti, e inizio a manipolare in modo tale che diventa morbida con il calore, poi unisco tutto.

PER colorare la pdz io uso i colori alimentari in gel, mentre manipolo la pdz ne inserisco qualche goccio all’interno e continuo a manipolare così da prendere la nuova colorazione.

Altra cosa invece è  dipingere sulla pdz, di cui ho fatto un tutorial, ma ne riassumo la procedura: con i colori alimentari in gel diluiti nel vino bianco e un pennarello alimentare nero per delineare i contorni

Per le piccole decorazioni uso la stessa pdz che utilizzo per stendere sulla torta, per grandi decorazioni e pupazzi si può usare la pdz model che asciuga più in fretta. Le decorazioni piccole si incollano spennellando un po’ di acqua, per quelle grandi si usa la colla alimentare.

Per torte vere a più piani si deve fare la struttura con le stecche all’interno.

 

 

Torte in dummy

sono torte in finta pdz o con polistirolo come base.

Il polistirolo va prima sgrattato con la carta vetra per evitare che la pdz si crepi e si spezzi soprattutto sugli spigoli, poi va bagnata per far aderire la pasta di zucchero sopra.

Si può usare anche la gelatina o la colla alimentare.

Per ora è tutto quello che mi ricordo ma appena mi verrà altro in mente lo aggiungo di seguito.

Buona lettura a tutti

 

 

piastra 2D Anna di Frozen in pasta di zucchero dipinta

piastra 2D Anna di frozen in pasta di zucchero

Piastra 2D di Anna di frozen in pasta di zucchero

piastra 2D Anna di frozen in pasta di zucchero

 

Stamattina ho provato a creare la mia prima piastra 2D Anna di frozen.

Avevo della pdz rimasta dell’ultima torta ed essendo poca ho pensato di utilizzarla per fare un disegno in 2D.

Forse il colore non è adatto perché serviva quella bianca ma mi sono arrangiata lo stesso e ho provato su quella azzurra.

Ingredienti

pasta di zucchero già pronta

colori in gel wilton

vino bianco (ho acquistato quelli in bric piccolini)

pennarello alimentare nero

carta da forno

pennelli da cake design

 

Ho riportato il disegno su carta da forno con il pennarello alimentare nero, e ho poi capovolto il disegno sulla pdz per trasferirlo. Ho trasferito il disegno con lo stesso metodo che uso per la pasta frolla; e ho ricalcato i contorni un po’ sbiaditi sempre con il pennarello alimentare nero.

come trasferire un disegno su pasta frolla o pasta di zucchero

Solamente gli occhi non si sono trasferiti bene, la prossima volta devo passare il dito un po’ di più sugli occhi per trasferirli meglio.

Poi ho colorato l’interno con i colori in gel diluiti nel vino bianco, ma giusto un goccio.

piastra 2D Anna di frozen in pasta di zucchero

Alla fine ho proceduto con il definire i contorni con il colore nero e un pennellino sottile.

Ho letto su altri blog che per diluire il colore si usa alcool alimentare o grappa, ma in casa non li avevo, il vino bianco invece si e ho usato quello.

Un semplice vino da tavola bianco economico e venduto in pratici bric piccolini, quindi si evita an che lo spreco. Ho tentato lo stesso anche perché in internet non ho visto usare il vino bianco sperando che andasse bene. È stata un’ottima scelta tra l’altro economica perché di questi vini se ne trovano facilmente nei supermercati.

Per i colori sono sempre gli stessi che uso per disegnare sulla pasta frolla.

Ora aspetto se si solidifica.

 

La mia prima torta in pasta di zucchero

La mia prima torta in pasta di zucchero

La mia prima torta in pasta di zucchero con base victoria sponge

La mia prima torta in pasta di zucchero

Oggi vi parlerò della mia bellissima esperienza con la pdz. Mai fatta una in vita mia, mi sono documentata ho visto un po’ di tutorial e poi finalmente ho deciso di provare in questi giorni.

L’ho fatta a più riprese, ieri ho fatto la victoria sponge cake come base e la ganache ed oggi ho assemblato il tutto.

Ho preso la ganache dal frigo e l’ho passata al microonde a bassa temperatura per meno di un minuto per averla comunque abbastanza dura ma fattibile per la stuccatura, e poi ho livellato con una delle spatole che da un lato hanno la dentellatura tonda.

Per stendere la pdz l’ho tagliata in vari pezzi e poi con il calore delle mani li ho ammorbiditi e unito tutto per stendere dello spessore di tre mm. Ho usato il mattarello di legno grande e ogni tanto spolverizzato con lo zucchero a velo per non farla attaccare alle mani e al tavolo. Poi l’ho arrotolata tutta sul mattarello e spolverizzata sempre di zucchero per non farla attaccare mentre la arrotolato, successivamente l’ho srotolata sulla torta.

Ho steso sulla parte superiore e subito dopo ai lati alti per bloccare la pdz e non farla rovinare per il peso.

Pdz stesura

Mi sono fatta uno schizzo di come bloccare la pdz sulla torta e poi terminare i lati in basso.

Usare lo smooter per livellare superficie superiore e laterale.

Ho tagliato poi la pdz restante e vi ho aggiunto delle gocce di colorante blu per le stelline e la rosellina al centro.

La composizione non è chissà che bellezza ma era un esperimento per provare le formine e la formina per creare la rosa, di cui ero molto curiosa la riuscita.

Infine con un po’di pdz blu ho fatto una cordicella per abbellire la base.

Non avendo acquistato ancora il sottotorta è stato abbastanza difficoltoso sia stuccare con la ganache la base che bloccare la pdz alla base.

Inoltre avendo la mia piccola intorno che giocava anche lei con un piccolo panetto di pdz perché lei fa sempre tutto quello che faccio io, ad un certo punto.. panico…ha preso il cutter di plastica ed ha infilzato la pdz in superficie appena stesa, quindi non ho potuto neanche fare una foto del prima che mettessi le decorazioni; ma poi non mi sono persa d’animo e per coprire il buchetto ho messo sopra una bella stellina. Le stelline non hanno tutte i bordi livellati perché ormai mia figlia iniziava a dare segni di insofferenza, stava perfino iniziando a mangiarsi il suo panetto di pdz. Meno male che è tutto commestibile.

La prossima cosa da acquistare sarà un bel mattarello grande di plastica e un sottotorta.

Per la base ho usato la ricetta della victoria sponge cake e per la ganache una ricetta che prevede cioccolato fondente, al latte e crema da spalmare

 

victoria sponge cake

victoria sponge cake

victoria sponge cake

victoria sponge cake

ho scelto di fare questo dolce perché è un’ottima base per torte in pasta di zucchero. A differenza del classico pan di Spagna ha un impasto più corposo che mantiene il peso della pasta di zucchero.

Inoltre essendo pastoso non necessita di una bagna eccessiva perché è un dolce buono anche da solo.

le dosi per una teglia del diametro da 24

5 uova

250 gr burro

250 gr zucchero

250 gr farina

16 gr lievito per dolci

 

Preparazione

attrezzatura: fruste elettriche

unire il burro a temperatura ambiente  e lo zucchero, in crema; aggiungere le uova intere una per volta, (senza sbatterle).Una volta amalgamato, aggiungere poco alla volta la farina precedente miscelata con il lievito per dolci.

preriscaldare il forno* a 160 gradi e cuocere per 40 minuti.

A termine della cottura è importante lasciare nel forno chiuso  il dolce per almeno 10 o 15 minuti, finoa che l’ambiente si intiepidisce per evitare forti sbalzi di temperatura.

Sono importanti tutti questi accorgimenti perché la victoria sponge cake è un dolce molto delicato e soggetto alle temperature.

 

(rapporti dose: per teglia da 20, 4 uova, 200 gr di zucchero, 200 gr burro, 200 gr farina, 16 gr di lievito per dolci. Per un uovo 50 gr di f, b, z).

  • 160 gradi sono in riferimento al mio tipo di forno che non è il classico forno ma è il forno a microonde chef plus con la funzione forced air. Purtroppo non ha la funzione statico e quindi cuoce più veloce, inoltre io attivo sempre il piatto girevole perché qualche volta mi è capitato che bloccandolo il dolce crescesse solo da un lato. Quindi funzione solo ventilato e piatto girevole ho messo una temperatura più bassa a 160 gradi; (Un primo tentativo l’ho fatto a 170 gradi e si era leggermente sgonfiato al centro, il sapore comunque buono ma non è adatto per le torte in pdz).